Schermata 2015-10-22 alle 11.31.42

Se non c’è il mare bisogna inventarlo, anche in una città come Milano. Ma come lo immaginano le persone che migrano da una zona di mare? E come lo rappresentano quelle che vicino al mare non hanno mai vissuto? E come lo immaginano persone che non ci sono mai state?

Rispondendo così all’invito di Marco Trulli “Here is elsewhere”, l’artista continua la sua esplorazione poetica e politica sull’immaginario legato al mare e questa volta lo declina alla città di Milano.
Grazie alla mediazione di Mare Urbano con i residenti della zona 7 e la complicità di alcuni passanti ed amici, Raimondo ha incontrato ed invitato alcuni abitanti di Milano, provenienti da diversi orizzonti geografici e culturali, a riflettere sulla loro idea di mare, esplorandone vissuti, impressioni e proiezioni, attraverso domande ludiche e al contempo serie. Con la collaborazione di Fatima Bianchi, le artiste hanno ripercorso i luoghi investiti, soprattutto Milano 7, i dintorni di via Sarpi e i Navigli, alla ricerca di elementi visivi che sublimano l’assenza del mare a Milano, per evocare un immaginario polifonico ed impressionistico che lo spettatore è invitato ad occupare ed attivare.

Con le voci e le suggestioni di:

Maddalena Fragnito, Sergio Galasso, Giusy Palumbo, Francesco Neri, Gabriella, Mara Segalini, Donato Trevisan, Dario, Savino, Flora, Lorenzo, Nicolas, Federico, Farid Bayan, Behzad Bani, Fatima, Shadia, Nwal, Sahar, Lidia Casti

Grazie a:
Mare Culturale Urbano, Careof, Bluemarine, O’ Surdat’ Nnamurat’, Giro del Giro, Mamme del Mondo